Arte e architettura in Italia by Rudolf Wittkower

By Rudolf Wittkower

Show description

Read or Download Arte e architettura in Italia PDF

Best commercial books

Pattern Cutting and Making Up

Significant adjustments have happened within the previous couple of years within the tools of slicing and production outerwear. mild garments businesses are actually production those heavy clothing end result of the improvement of fusible interlinings and new production options that have ended in the deskilling of conventional tailoring tools.

Essays on New Institutional Economics

This selection of essays includes a few of Rudolf Richter’s very important contributions to analyze on New Institutional Economics (NIE). It offers with the crucial suggestion, rules, and technique of latest Institutional Economics and explores its relation to sociology and legislation. different chapters research purposes of NIE to numerous microeconomic and macroeconomic concerns within the face of uncertainty, from entrepreneurship to the euro obstacle.

Extra resources for Arte e architettura in Italia

Sample text

La sua facciata di Santa Maria della Vittoria (1625-27), il suo capolavoro, la facciata e l’atrio di San Gregorio Magno (iniziati nel 1629) e la navata della Cattedrale di Monte Compatri vicino a Roma (1630), furono tutte eseguite per Scipione Borghese. Sebbene non prive di dignità, queste opere testimoniano le tendenze conservatrici di quest’ultimo per quanto concer- Storia dell’arte Einaudi 57 Rudolf Wittkower - Arte e architettura in Italia. 1600-1750 ne l’architettura delle chiese. L’architettura del Soria è alquanto piú possente di quella del Ponzio che, per iniziativa del cardinale, aveva eseguito il delicato restauro in stile classicista di San Sebastiano fuori le Mura (16o91613) completato dal Vasanzio30.

Questo è certamente vero non soltanto per Scipione Borghese e Vincenzo Giustiniani, ma anche per il cardinale Francesco Maria del Monte – il primo protettore del Caravaggio – che venne definito «una sorta di ministro ecclesiastico delle arti a Roma»40; ed è vero anche per i fratelli Asdrubale e Ciriaco Mattei, «che erano rimasti vittime della moda di Caravaggio» (Baglione), ma nello stesso tempo proteggevano artisti come Cristoforo Roncalli e Gaspare Celio. Questi ultimi godevano il favore anche dei fratelli Crescenzi, per merito dei quali il Caravaggio ottenne l’incarico della Cappella Contarelli; e questo elenco potrebbe facilmente essere continuato.

La raffigurazione di soggetti sacri era ammessa, anzi favorita, a sostegno dell’insegnamento religioso. In un passo del decreto del Concilio si statuisce fra l’altro che «il popolo venga istruito, a mezzo di raffigurazioni pittoriche o di altro genere, sui misteri della nostra redenzione affinché si rafforzi l’abitudine di avere sempre presenti i principî della fede». Di conseguenza venne imposta una severa disciplina e costumatezza nelle rappresentazioni di storie sacre e il clero fu reso responsabile della sorveglianza sugli artisti.

Download PDF sample

Rated 4.68 of 5 – based on 31 votes